Parco Regionale “Riviera di Ulisse” Villa di Mamurra. Consegnate ufficalmente, dal RUP della Soprintendenza, le chiavi alla presidente dell’Ente Parco Carmela Cassetta.

Pubblicità

Pubblicità

Si sono conclusi i lavori, ad opera del Ministero della Cultura Soprintendenza
Archeologica, Belle arti e Paesaggio per le provincie di Frosinone e Latina,
per riqualificare l’area della c.d. “Villa di Mamurra”, che hanno compreso
anche la messa in sicurezza del sentiero per consentire l’accesso ai
diversamente abili all’Edificio Ottagono, la Grotta della Janara e alla Cisterna
delle 36 colonne, il belvedere, con l’istallazione di una “composting toilet”, al
fine di minimizzare l’immissione di elementi eutrofizzanti o patogeni in
ambienti sensibili come quello dell’area parco. Sono state consegnate
ufficalmente, dal RUP della Soprintendenza, le chiavi alla presidente
dell’Ente Parco Carmela Cassetta, che accompagnata dal Direttore dell’Ente
e dai Funzionari dell’Ufficio Tecnico del Parco hanno potuto vedere in
anteprima i lavori svolti dalla Ministero della Cultura. Esprime soddisfazione
la Presidente Carmela Cassetta: “Dopo anni difficili, finalmente dopo gli
interventi di riqualificazione messi in atto dalla Soprintendenza
Archeologica, Belle arti e Paesaggio per le provincie di Frosinone e Latina,
per valorizzare l’area c. d. Villa di Mamurra, oggi riprendiamo la gestione
ordinaria dell’area archeologica, così che in poco tempo potremmo restituire
alla città questo luogo ricco di storia e cultura, molto importante per Formia
e il territorio, nell’ottica del rilancio turistico. Abbiamo voluto dare attenzione
a questa importantissima area, ”continua la presidente Cassetta“che sarà
pienamente fruibile dai moltissimi turisti che visitano l’area protetta della
Riviera di Ulisse. E’ nostra intenzione continuare a valorizzare quest’area,
affinchè diventi un punto di riferimento nel turismo, per una ripresa
economica del territorio, diventando una vera hub culturale con il
completamento anche dei lavori previsti nell’area del c.d. Porticciolo
Romano. Sarà approntato un modello di gestione” concludono la Presidente
Cassetta ed il Direttore Luongo “ci consentirà di valorizzare le realtà locali,
che sono state preziose in questi anni e che ringrazio a nome dell’intera
collettività, conferendo anche criteri che siano all’altezza di un attrattore
nazionale e internazionale come questo luogo particolarmente caro al nostro
territorio”.
Vogliamo riconsegnare quest’area alla città e a tutti i visitatori nel più breve
tempo possibile e sarà mia premura supervisionare gli ultimi interventi
ordinari. Ringrazio l’Ufficio Tecnico e tutti coloro che hanno collaborato al
fine di poter raggiungere questo risultato tanto atteso da tutti”.