Presentato oggi alla Sala degli Emigranti di Maranola il nuovo sistema integrato di telerilevamento automatico degli incendi boschivi dei Monti Aurunci

Pubblicità

E’ stato presentato oggi presso la Sala degli Emigranti della Delegazione di Maranola il nuovo sistema integrato di telerilevamento automatico degli incendi boschivi finanziato dalla Regione Lazio in seguito alla costituzione di un A.T.S. con la XVII Comunità Montana dei Monti Aurunci.

Il progetto, partito nel 2020, ha previsto quindi l’installazione di una postazione di telerilevamento dotata di un sistema panoramico visibile ad alta definizione e sensore IR per il rilevamento automatico di incendi boschivi, l’allestimento di una sala operativa presso la sede della Protezione Civile per il controllo remoto della postazione, l’installazione di una centralina per il monitoraggio dei dati meteo climatici, il posizionamento di 7 telecamere di sorveglianza periferiche di cui due dotate di tecnologia per la lettura della targa.

La nuova piattaforma proposta rappresenta una soluzione completa per la sorveglianza ambientale con funzioni di rilevamento automatico degli eventi che consente il monitoraggio in tempo reale di vaste aree di territorio; il rilevamento puntuale e tempestivo di situazioni di rischio ambientale (automatico o tramite controllo visivo); il controllo remoto da una o più postazioni; la gestione completa degli interventi; la gestione dello storico dei dati; l’integrazione con altri sistemi.

Il sistema si impiega nella prevenzione di incendi boschivi, nel controllo dei parametri ambientali, nel rilevamento di discariche abusive, nel monitoraggio di flora e fauna, nella sicurezza e nella promozione turistica.

“Il patrimonio forestale rappresenta una risorsa ambientale fondamentale la cui tutela e salvaguardia deve essere attuata nel modo più efficace possibile – commenta il Sindaco Gianluca Taddeo – Tra le attività di salvaguardia riveste particolare importanza la lotta agli incendi boschivi, individuati tra le principali cause di degrado. Per ridurre il rischio incendi è infatti estremamente necessario sviluppare la cultura della prevenzione e disporre della collaborazione di tutti, per cui aumentare il livello di informazione attraverso il contributo di esperti è di rilevante importanza”.

“E’ una soluzione all’avanguardia – interviene l’Assessore all’Ambiente Eleonora Zangrillo – in grado di prevenire e contrastare il fenomeno degli incendi monitorando costantemente il territorio attraverso un sistema operativo tecnologicamente avanzato con la possibilità di intervento in tempi strettissimi. Infatti, il sistema è in grado di rilevare automaticamente principi di incendio fino a 8 km dal punto di osservazione e trasmettere le coordinate geografiche. I dati e le immagini panoramiche sono costantemente aggiornate e convergono in tempo reale alla Centrale Operativa ed al Centro di Controllo remoto che sono dunque immediatamente operative. La celerità negli interventi antincendio è alla base della gestione dell’emergenza incendi”.