Promozione – Formia, 90′ che valgono due anni ed una rinascita

13083177_991448400939251_7910307255394928690_nNello scorso weekend, il crollo del Sermoneta ha fatto un rumore assordante perchè nessuno – o forse solo qualcuno – avrebbe mai creduto che l’Arpino potesse vincere per 6 a 2. Soprattutto perchè i lepini avevano saputo coniugare un solo ed unico verbo nelle loro 12 uscite precedenti di campionato: vincere.

Il Formia si è, insomma, ritrovato allo scontro diretto con 5 punti di vantaggio quando di punti disponibili ce ne sono appena 9. Scontro diretto piazzato in infrasettimanale, programmato allo stadio di Norma oggi con fischio d’inizio previsto alle 16.30.

Il – nutrito – seguito con cui i biancazzurri si presenteranno al confronto è emblematico di quanto città, ambiente societario e tifosi ci tengano a tener fede alla dicitura presente sul gonfalone e a “risorgere” dalle avversità. E’ il primo match-point, questo, ma le strade per arrivare all’Eccellenza sono molteplici per gli uomini di Rosolino da qui a fine campionato.

Tutti si augurano che già oggi si chiuda la contesa, con un successo pontino che cancellerebbe anche aritmeticamente il Sermoneta dalla corsa alla gloria. Non è stato certamente un campionato dominato dall’inizio quello del Formia, che ha dovuto superare non poche avversità nei primi rendimenti esterni per creare quell’alchimia che ha portato a giocarsi qualcosa di importante, per chi sarà sugli spalti e per chi ci sarà col pensiero.

I numeri di questa sfida, arbitrata dal sig. Pascariello di Lecce che sarà coadiuvato da Martelluzzi e De Vellis (entrambi di Frosinone), dicono che si affronteranno il secondo miglior rendimento interno ed il 2° miglior rendimento esterno del campionato.

All’andata finì 3-0 per il Formia, che dunque ha la grande occasione di portare quantomeno dalla propria parte gli scontri diretti.

Queste le possibili strade che porterebbero il Formia in Eccellenza:

  • Caso A: vittoria del Formia (promozione aritmetica alla 32°);
  • Caso B: pareggio del Formia (necessario 1 punto nelle ultime 2);
  • Caso C: sconfitta del Formia entro i 3 goal di scarto (necessari 4 punti nelle ultime 2);
  • Caso D: sconfitta del Formia con più di 3 goal di scarto (necessari 5 punti nelle ultime 2).

Tutto è nelle mani del Formia, nel cuore e nella determinazione di un gruppo che da 2 anni insegue un sogno per tornare in auge dalle sue ceneri. Che quel momento sia arrivato?

 

Luca Masiello

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo

I commenti sono bloccati.