Promozione – Formia al match-point, Sermoneta tracolla ad Arpino

I.T.E. Tallini Castelforte

13087637_990259117724846_7292376984695268532_nTre passi in avanti, che però in realtà sono sei. Perchè se è vero che con la rotonda vittoria sul Real Cassino il Formia ha guadagnato altri 3 punti, il Sermoneta è incappato in un pazzesco ko per 2-6 ad Arpino ed ha abbassato di altri 3 punti la soglia per il titolo.

Le condizioni atmosferiche avverse hanno caratterizzato, dopo l’andata, anche il return match tra la capolista ed i cassinati, che hanno giocato sotto un meteo pazzo caratterizzato, a corrente alternata, da sole, vento e scrosci improvvisi di pioggia.

Il raggio di sole più bello però l’ha sfoggiato Alessio Foti, che dopo aver scartato fluidamente un avversario si è ricavato lo spazio al 5′ per battere Iadicicco piazzando all’incrocio l’1-0.

Il tutto naturalmente non può che fare il gioco dei biancazzurri, riscattatisi immediatamente dall’eliminazione di coppa dopo lo 0-4 contro il Real Colosseum.

La difesa biancazzurra manda spesso e volentieri in fuorigioco gli attaccanti ospiti, mentre dall’altra parte le occasioni aumentano con il palo di Formisano su corner. Maraolo si supera nel finale di tempo su Rosato, intercettando a mano aperta un colpo di testa che pareva quello dell’1-1. Dopo il goal sbagliato, ecco il goal subìto. La legge del calcio non perdona: al 45′ Imbriaco viene dimenticato in area su un corner battuto da Foti, ed ha il tempo di controllare e battere Iadicicco per il 2-0.

Nella ripresa, il match si chiude praticamente subito con Di Stefano (48′) che fa tris, seguito da Carfora (56′). Al 69′ il neo-entrato Di Florio trova il quinto gol, prima della realizzazione della bandiera al 79′ da parte degli ospiti con Carbone. Paura per Maraolo nel finale, ma il colpo alla rotula si rivela molto meno grave del previsto e non dovrebbe pregiudicare la presenza del classe ’98 mercoledì.

Finisce così, con quella che pare a tutti gli effetti una prova generale di festeggiamento. Perchè un +5 a 3 giornate dalla fine è veramente un’eredità importante da non sciupare.

“Da Real a Real”, dalla chiusura di una porta per l’Eccellenza al ritrovarsi davanti ad un portone che va solo aperto magari già mercoledì a Sermoneta. Quando in campo, per il Formia, ci sarà una città intera e non solo 11 giocatori.

Formia – Real Cassino 5-1 [5′ Foti (F), 45′ Imbriaco (F), 48′ Di Stefano (F), 56′ Carfora (F), 69′ Di Florio (F), 79′ Carbone (C)]

Formia: Maraolo, Carginale, D’ Amora, Volpe, Imbriaco, Formisano (46′ Esposito), Carfora, Foti, Accrachi (53′ Di Florio), Marciano (60′ Gagliardi), Di Stefano A disp: Fiorenza, Pizza, Sellitti, Scariati All. Rosolino

Real Cassino: Iadicicco, Teodorof, Capocci, Oliva, Rosato B. (46′ Carbone), Gennari, Rosato L., Di Pastena, Taglialatela (56′ Capezzone), Di Iorio (71′ Del Giudice), Risi A disp: Viola, Papa, Capezzone, Casillo, Del Giudice All: Zollo

Arbitro: Di Matteo (Roma 1)

Assistenti: Giudice (Frosinone) – Cocco (Frosinone)

Ammoniti: Foti (F), Gennari, Di Iorio (C)

 

Luca Masiello

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo