ROMA, AUTISMO, L’OSTEOPATA AI DOCENTI: OGNI PERCEZIONE È UN’AZIONE E QUINDI UN APPRENDIMENTO

OLTRE 32MILA LE VISUALIZZAZIONI DELLE LEZIONI GRATUITE DELL’ISTITUTO DI ORTOFONOLOGIA-IDO.
VENERDÌ 5 FEBBRAIO L’ULTIMO APPUNTAMENTO

“Ogni sensazione è essa stessa un’azione e un’esperienza”. Parte da qui Alessandro Laurenti, osteopata, docente di osteopatia presso l’Osteopathic College di Trieste e presso la Scuola di Osteopatia Pediatrica Cerdo di Roma, oltre che membro dell’equipe multidisciplinare dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), nell’introdurre la terza delle quattro giornate di approfondimento sull’autismo dedicate agli insegnanti e organizzate gratuitamente dall’IdO. Oltre 3.500 iscritti, più di 32mila visualizzazioni e moltissime le domande da parte dei docenti. Sono questi i numeri del ciclo di incontri online, che lo scorso venerdì 29 gennaio ha concluso il suo terzo appuntamento. Qui è possibile rivederlo: https://www.youtube.com/watch?v=ffd0cFMoqxU&feature=youtu.be

L’Osteopatia in Italia ha raggiunto 10mila professionisti iscritti all’albo professionale e presenti in numerosissimi ospedali pediatrici. Il ‘tocco’ è la manovra effettuata dall’osteopata. “In età scolare, almeno fino alla quinta elementare- spiega Laurenti- ogni esperienza vissuta dal bambino è un’attività di apprendimento ed è legata a un’attività di tipo motorio. Il sentire- dice l’osteopata- è un’esperienza primaria preliminare ad ogni sforzo di intelligenza che promuove nel corpo un atto motorio”. Da qui l’importanza del ‘tocco’. “Toccare il corpo in un modo dosato, moderato- precisa l’esperto-produce nell’organismo grandissimi effetti benefici per la salute, ma soprattutto riesce a modulare il percepito, ossia le modalità in cui si percepiscono il mondo esterno e il mondo interno”. A partire da questa premessa che si possono comprendere “manifestazioni di tipo motorio che sono relative a una complessità del bambino. Il comportamento motorio- sottolinea Laurenti- può essere interpretato con una lettura funzionale e questo serve ad avere un gancio terapeutico con il bambino”. Dunque “maggiore è la complessità del disturbo e maggiore è la disorganizzazione sensoriale del bambino e, quindi, maggiore sarà la sua disorganizzazione motoria.Un ‘tocco’- evidenzia l’esperto- può creare un punto fisso grazie al quale il corpo può organizzarsi nuovamente, ricompattarsi, ritrovare un minimo di consapevolezza”.

Da qui, in un’ottica multidisciplinare, la psicoterapeuta dell’età evolutiva Mariapaola Sforza, entra nel vivo della didattica ricordando agli insegnanti l’importanza delle conoscenze delle tappe evolutive del processo grafico del bambino. “Il disegno- dice- dà l’opportunità di osservare il livello organizzativo, ad esempio dal punto di vista dello sviluppo percettivo-fisico, della coordinazione; lo sviluppo sociale, quindi la capacità di entrare e far entrare in relazione; e lo sviluppo emotivo”. Infatti le produzioni grafiche “non vanno lette solo dal punto di vista cognitivo- precisa Sforza- ma è molto importante anche la componente emotivo-relazionale”. Nello specifico dei bambini con disturbi dello spettro autistico la psicoterapeuta invita a ricordare quanto sia importante “non fermarsi all’osservazione del prodotto finale, ma guardare il processo, il momento vero e proprio del disegno, perché così è possibile fare distinzione tra produzione spontanea e stereotipata”.

Il quarto appuntamento del corso è in programma venerdì 5 febbraio, sempre dalle 16.30 alle 19.30, e tra i relatori ci saranno Simona D’Errico, logopedista e psicomotricistaMagda DI Renzo, responsabile del servizio Terapie IdO; e Paolo Pace, responsabile dell’Unità operativa di Psichiatria infantile dell’Asp di Castelvetrano. Sarà possibile seguirlo cliccando su questo link: https://youtu.be/NNxhjo2QHWA
Inoltre, sono previste 8 ore di formazione online in modalità asincrona. A tutti gli iscritti verrà rilasciato un attestato e saranno inviati anche articoli e libri dell’IdO specifici sull’autismo. Per iscriversi, avere informazioni generali sul corso o ancora per fare domande sui contenuti del corso si può scrivere a autismo.scuola@ortofonologia.it. Per lasciare i propri dati e ricevere a casa gratuitamente libri e articoli sull’autismo, compilare il modulo utilizzando questo link: https://forms.gle/8HHa4gSWRnRFD2MZ6
Per tutte le altre informazioni e per rivedere le lezioni è possibile consultare questo link: https://www.ortofonologia.it/autismo-corso-di-formazione-gratuito-per-gli-insegnanti/

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo