Sabaudia: XXII edizione del Concorso enologico internazionale Città del Vino. La Cantina: Tre Terre di Sabaudia, con il suo Shiraz Igp 2022 si è aggiudicata la Medaglia d’Oro. Eccellenze pontine. Miglior vino e il miglior produttore laziale del 2024

pubblicità

La Cantina Tre Terre di Sabaudia, con il suo Shiraz Igp 2022 si è aggiudicata la Medaglia d’Oro, con il punteggio più alto tra le imprese laziali (89,000/100), alla XXII edizione del Concorso enologico internazionale Città del Vino, manifestazione organizzata dall’Associazione Nazionale Città del vino e il supporto scientifico dell’OIV (Organizzazione Internazionale della Vite e del Vino).

Alle sessioni di degustazione hanno partecipato oltre 60 commissari tra enologi, buyer, importatori, tecnici e giornalisti provenienti dall’Italia e dall’estero.

Con una produzione limitata di sole 1.500 bottiglie, affinato per 9 mesi in botte, lo Shiraz 2022 della cantina guidata da Marco Maccotta, proviene da uve nei vigneti aziendali a Borgo San Donato nel territorio di Sabaudia, a ridosso del Parco nazionale del Circeo.

Questo premio segue a una lunga serie di riconoscimenti conquistasti dai vini di Tre Terre, tra gli ultimi:

  • “Nettare di Circe” Lazio Igt 2022, ha vinto il concorso enologico Premio Qualità Italia nella categoria Vini Passiti Igt, come miglior passito bianco d’Italia;
  • il Moscato Bianco è stato premiato nel corso Milano Wine Week con il Premio Qualità Italia nella sua categoria, come miglior bianco italiano;
  • sempre il Moscato Bianco aveva anche vinto la Medaglia d’Oro due precedenti edizioni del concorso Città del Vino ed è era stato eletto miglior vino bianco dei Parchi Nazionali alla rassegna di Legambiente.

Pubblicità