San Felice a Cancello: Il nodo ferroviario di Cancello.

Guarda la tv in diretta streaming

cancelloIl Consiglio Comunale di San Felice a Cancello si terrà domani alle ore 16:30 nell’aula consiliare, e tra i vari punti da affrontare ci sarà lo storico Nodo Ferroviario di Cancello. L’amministrazione vuole intervenire in merito e porre il Paese al centro d’ogni iniziativa di sviluppo territoriale incentrato su un sistema nodale di mobilità e interconnettività veloce verso Torre Annunziata/Pompei e Caserta – Capua: La realizzazione del sistema ferroviario della metropolitana Casertana, Cancello – Capua e la rivitalizzazione della tratta Cancello – Torre Annunziata, con collegamenti veloci verso i bacini archeologici di Pompei, alternativi alla Circumvesuviana. Tale infrastruttura permetterebbe di concretizzare un motore di sviluppo, incentrato sul turismo residenziale e sui servizi, ed implementare in termini di connettività e mobilità sostenibile, i nodi di Cancello – Caserta e S. Maria Capua Vetere, sostenendo l’attrattività dei siti storico culturali accessibili (Pompei, Sito UNESCO della Reggia di Caserta, Anfiteatro Capua Antica, Reggia di Carditello, Fortezza di Capua) ed intercettando nuovi flussi turistici ma non solo, inoltre, tale progettualità, terrebbe finalmente fede agli impegni assunti dalla Regione Campania, con l’Accordo Quadro sottoscritto nel 2004, per la realizzazione, non ancora nemmeno cominciata, della anzidetta Metropolitana Casertana. Lo stesso dicasi per la tratta Cancello – Torre Annunziata, nella misura in cui la rivitalizzazione dopo un decennio a valle dei lavori per il suo ammodernamento conclusi nello stesso 2004, darebbe finalmente senso e valore agli oneri sostenuti. San Felice a Cancello dunque, come molti sanno, snodo cruciale ferroviario da sempre e per questo è necessario attivarsi in questo senso per sfruttare tale potenzialità. Il sindaco Pasquale De Lucia unitamente al Presidente del Consiglio Angelo Frasca lo sanno e con grande senso civico con l’amministrazione tutta stanno lavorando per riportare San Felice a Cancello al centro di una visibilità, che come insegna la storia, gli spetta di “Diritto”.