Santi Cosma e Damiano: Corso di Formazione tecnico/ pratico sul ”Rischio Alluvionale” presso la sede dell’Associazione CB Gari 88

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

Presso la sede dell’Associazione CB Gari 88 della Protezione Civile, Sabato 25 Novembre si è svolto un Corso di Aggiornamento tecnico/pratico rivolto alle 15 Associazioni di volontariato che fanno parte del coordinamento nazionale e che riguarda il ”Rischio Alluvionale”. Il Corso è iniziato alle ore 8.00 e teminato alle ore 17.00 circa con pausa pranzo intorno alle ore 13.00. Le finalità del corso sono state quelle di formare gruppi di operatori che professionalmente in tutte le sedi dei coordinamenti EU.RE.MA. e A.N.V.E.S. siano in grado di operare e utilizzare l’insacchettatrice e sistemare in modo idoneo e funzionale barriere protettrici nei luoghi a rischio.
Dopo i saluti di benvenuto da parte del Presidente dell’Associazione CB Gari 88, Sig.Bruno Romanelli, i lavori si sono aperti con il corso teorico/pratico sul rischio alluvionale, in pratica è stato illustrata la tecnica della formazione di barriere di protezione con sacchi di sabbia. Una tecnica già messa in atto dai militari dell’Esercito nell’alluvione di Rossigliano a Genova avvenuta il 13 Ottobre 2014. A relazionare ìl Sig. Aldo Baia, esperto nel campo dell’antincendio boschivo e conduzione delle emergenze e responsabile della gestione di campi di accoglienza in emergenze terremoti. Subito dopo si è passati all’insacchettamento della sabbia con la collocazione dell’insabbiatrice con mezzi e attrezzature occorrenti, relatore il Sig. Angelo Viola dell’Associazione di volontariato “ La Fenice” di Gaeta. Sono stati momenti emozionanti e carichi di entusiasmo e voglia di fare ha dichiarato il Presidente Bruno Romanelli dell’Associazione CB Gari 88, una giornata in cui si è dimostrato di fare squadra e acquisire tecniche importanti e all’avanguardia soprattutto considerato l’evolversi delle precipitazioni in molti casi delle vere bombe d’acqua con rischio alluvioni. In questo ambito è necessario essere preparati. Non è mancato anche l’intervento del Capo del Dipartimento di Protezione Civile Angelo Borrelli originario di Santi Cosma e Damiano che, lo ricordiamo, ha anche partecipato alle fasi più drammatiche dei terremoti italiani che si sono succeduti negli ultimi anni: prima nel 2009 in Abruzzo, poi nel 2012 in Emilia e per finire nel sisma verificatosi nel 2016 in Centro-Italia.
A fine corso a tutti i Presidenti delle Associazioni intervenute è stato rilasciato un Attestato di partecipazione e formazione valido come qualifica di idoneità per il personale intento in operazioni delicate quali interventi di rischio idrogeologico.
di Andrea Conte