Spigno Saturnia: Presso la sorgente di Capodacqua, si è svolta l’Esercitazione di Protezione Civile Regione Lazio “LABINAEX 2022”

Pubblicità

Nelle giornate di sabato 28 e domenica 29 maggio, anticipate da un webinar formativo tenutosi venerdì 27, si è svolta a Spigno Saturnia, presso lo scenario della sorgente di Capodacqua, l’Esercitazione di Protezione Civile Regione Lazio “LABINAEX 2022” organizzata dall’Associazione di Volontariato di Protezione Civile “Angeli dell’Ambiente” di Spigno Saturnia.

All’Esercitazione hanno partecipato anche la Protezione Civile Città di Minturno, Protezione Civile La Fenice di Gaeta, LARES ITALIA, AIVEM – Ingegneri Volontari.

È stata verificata con successo la capacità di interazione fra soccorritori e volontari di diverse specializzazioni.

Si è trattata di una Esercitazione multiscenario nella quale è stato simulato un evento franoso con cedimento delle pareti sopra la importante sorgente di acqua potabile di Capodacqua, determinando anche danni a beni culturali presenti nella zona e a terreni circostanti.

Il Comune interessato ha attivato il COC ed inviato le squadre di tecnici volontari (Ingegneri) accompagnati dai volontari della locale Protezione Civile. Con il supporto delle unità UAS dei droni in servizio alla LARES ITALIA sono stati effettuati i rilievi speditivi dei danni.

Sono state messe in campo tutte le procedure e le direttive previste negli scenari di emergenza di questo tipo.

È stata effettuata una aerofotogrammetria della zona interessata all’evento franoso e i tecnici Ingegneri dell’AIVEM hanno richiesto in alcuni casi l’ausilio dei droni (UAS) per la verifica della struttura e del tetto della chiesa pericolante e delle infrastrutture (ponte) immediatamente adiacenti alla fonte di Capodacqua.

Si è tenuto inoltre un interessante momento formativo sul rischio idrogeologico ed il rischio alluvione, con corso teorico e pratico sulle tecniche di realizzazione e posizionamento dei sacchetti di sabbia da parte dei volontari, che nella giornata di domenica hanno poi trasformato in attività sul campo.

Le missioni di sopralluogo degli scenari individuati sono state eseguite attraverso il coordinamento dalla sala radio dell’Unità Mobile Operativa Lares presente sul posto che controllava dall’alto l’area delle operazioni con le immagini riprese dai droni ed inviate alla sala operativa.

Al termine delle operazioni, si è svolto domenica pomeriggio un debriefing con un confronto costruttivo dei piani di Protezione Civile del Comune. Gli ingegneri dell’AIVEM hanno infine consegnato le schede e i rapporti di rilievo danni compilate a seguito dei sopralluoghi effettuati.

Il Responsabile della Protezione Civile “Angeli dell’Ambiente”, ringrazia il comune di Spigno Saturnia, il Gestore Idrico Acqualatina e la Polizia Locale per la collaborazione, ed ovviamente tutte le associazioni di volontariato che sono intervenute ed hanno reso possibile l’ottimo svolgimento delle operazioni esercitative.

Il Sindaco Salvatore Vento si complimenta con Francesco Militano e i volontari degli “Angeli dell’Ambiente” per questa importante programmazione, volta ad affrontare con qualità e professionalità possibili scenari di crisi, ringraziando tutte le associazioni di volontariato presenti a Spigno Saturnia in queste due giornate di formazione e esercitazione. “La qualità, la professionalità e l’abnegazione dei volontari di protezione civile, deve essere da esempio per ognuno di noi – dichiara il Sindaco Salvatore Vento – e invito i giovani e tutti coloro che sono mossi dai sani valori del volontariato, ad unirsi alle varie associazioni presenti nel comprensorio del sud pontino, per contribuire a questo impegno, fondamentale per le nostre comunità. È stata anche l’occasione – conclude Vento – per testare il nostro Centro Operativo Comunale e arricchire di informazioni il nostro Piano di Emergenza Comunale in vista di un necessario aggiramento”.