Suggerimenti per contrastare campagne di Phishing via SMS (“SMISHING”)

Clicca e scopri i prodotti in vendità

In questi giorni si stanno intensificando gli attacchi di smishing (ovvero il phishing tramite messaggi di testo inviati al cellulare), in cui gli hacker utilizzano un messaggio SMS per indurre i destinatari a cliccare su un link e carpire così informazioni private o scaricare programmi dannosi sugli smartphone.

Come le altre forme di phishing (via mail, PEC o SMS), la protezione dipende dall’abilità dell’utente di identificare gli attacchi di smishing e di ignorare o denunciare i messaggi. I messaggi di smishing sono pericolosi solo se l’utente clicca sul link indicato, o se inserisce o trasmette i propri dati personali.

Ecco alcuni suggerimenti per identificare gli attacchi di smishing ed evitare di diventarne vittima:

•    Le istituzioni finanziarie: le Banche, le Poste ecc., non trasmettono mai messaggi chiedendo le credenziali o il trasferimento di denaro. Non inserire mai il numero di carta di credito, il pin del bancomat o i dati bancari in generale via messaggio.

•    Evitare di rispondere a numeri di telefono sconosciuti specie se provenienti da aree/nazioni con cui non si hanno rapporti.

•    I messaggi ricevuti da numeri telefonici aventi poche cifre provengono probabilmente da un indirizzo e-mail, il che denota un probabile spam.

•    Non rispondere e non selezionare link contenuti in messaggi che offrono soldi facili (vincite di concorsi a premi o riscossione di denaro, molto popolari anche offerte di buoni sconto). Mai compilare form con le informazioni richieste e cancellare il messaggio o segnalarlo.

•    Evitare di salvare informazioni e dati bancari su smartphone e dispositivi mobili. Queste informazioni bancarie potrebbero venire compromesse in caso di installazione di malware sul dispositivo.

•    Segnalate la truffa inviando il messaggio al numero indicato dalla propria compagnia telefonica. Molti operatori telefonici dispongono di numeri da contattare per denunciare simili attacchi al fine di indagare e proteggere gli altri utenti. 

Un messaggio frequente in questi ultimi tempi inviato da un amico su Messenger senza nemmeno conoscere tale invio, apparentemente innocuo è: “Mi sembra di vederti in questo video!” oppure: “Sei tu in questo video?”. Non cliccate sul Link…. ma eliminate subito il messaggio

Pubblicità

https://www.instagram.com/p/Cj-a3_4I589/