Torre Mola: incontro tecnico-istituzionale tra il Comune di Formia e Acqualatina

Questione Torre Mola: il Comune di Formia convoca un nuovo incontro tecnico-istituzionale.

Acqualatina ha proposto una soluzione in 2 step: lavori per potenziare l’impianto di sollevamento – iniziati già il 7 febbraio – e successivi lavori per indirizzare le acque in eccesso in mare aperto, previo pretrattamento e monitoraggio per la tutela dell’ecosistema marino.

Il Sindaco Taddeo: «Siamo soddisfatti delle soluzioni proposte da Acqualatina. Porteremo la proposta della soluzione strutturale in Conferenza dei Servizi per valutarne la fattibilità»

L’Assessore Zangrillo: «Sarà nostra cura provvedere quanto prima alla pulizia e al drenaggio della Darsena. Intendiamo restituire alla cittadinanza un’area dal forte valore storico e simbolico»

Nei giorni scorsi ha avuto luogo un nuovo incontro tecnico-istituzionale convocato dal Comune di Formia al fine di dare vita al percorso di risoluzione del problema degli sversamenti nella zona di Torre Mola; convocati anche gli enti competenti per l’iter autorizzativo dei lavori.

Alla presenza del Sindaco Gianluca Taddeo, dell’Assessore ai Lavori Pubblici Eleonora Zangrillo, del Vice Presidente della Provincia Coscione, dell’Ato4 e della Polizia Provinciale, i rappresentanti di Acqualatina hanno dapprima evidenziato le problematiche insistenti nell’area di Torre Mola.

Il sistema fognario della zona è misto (reflui e acque piovane), e il relativo impianto di sollevamento presenta necessità di ammodernamento di tubazioni e pompe, nonché un adeguamento in termini di potenzialità.

A fronte di ciò, Acqualatina ha illustrato la proposta di soluzione articolata in due interventi: uno immediato e uno a medio-lungo termine.

Le soluzioni tecniche proposte da Acqualatina:

  • PRIMO STEP: Da subito, sono previsti lavori di potenziamento dell’impianto di sollevamento a servizio dell’area (avviati lo scorso 7 febbraio). I lavori prevedono l’installazione di ulteriore due pompe cosicché, con 5 pompe totali, l’impianto sarà maggiormente in grado di far fronte alle emergenze.

Investimento previsto: 450.000 euro

  • SECONDO STEP: Per la risoluzione strutturale del problema, il Gestore propone di valutare una soluzione atta a scongiurare definitivamente il rischio di futuri sversamenti nella Darsena, sempre possibili in caso di piogge straordinarie, convogliando, in maniera controllata, le acque in eccesso in mare aperto.

Punto fondamentale di tale soluzione sono le attività di pretrattamento delle acque e il continuo monitoraggio delle stesse, per garantire la massima tutela dell’ecosistema marino, anche in ottemperanza a quanto previsto dal Piano Regionale di Tutela delle Acque

“Siamo soddisfatti delle soluzioni proposte da Acqualatina – afferma il sindaco Gianluca Taddeo – Ora puntiamo alla Conferenza dei Servizi, al fine di valutare la fattibilità della proposta per la soluzione definitiva del problema, coinvolgendo tutti gli Enti preposti”.

“Un altro tema fondamentale, per la valorizzazione dell’area, è la pulizia e il dragaggio della Darsena – dichiara l’assessore ai Lavori Pubblici Eleonora Zangrillo – Sarà nostra cura procedere in tempi brevi, in quanto intendiamo restituire alla cittadinanza un’area dal forte valore storico e simbolico”.