Tra il Parco Riviera di Ulisse e il Parco nazionale Isola di PANTELLERIA IL WORLD OCEAN DAY. Il Mediterraneo, il clima, un futuro: insieme

Pubblicità

Di certo, il momento critico che il mondo sta vivendo, in bilico tra una pandemia che ha lasciato il segno e una guerra che lo lascerà, suggerisce caldamente di proteggere ciò che abbiamo, la natura in primis, che costituisce e costituirà sempre l’unica fonte del nostro vero benessere.

Anche in base a ciò che vogliamo interpretare la Giornata Mondiale degli Oceani (World Ocean Day), il mondo acqueo che per lungo tempo è stato fortemente bistrattato e in un certo senso anche sottovalutato, dimenticando, ad esempio, che la percentuale maggiore dell’ossigeno che respiriamo lo dobbiamo proprio all’azione fotosintetica del fitoplancton degli oceani.

Carmela Cassetta Presidente del Parco Riviera di Ulisse ci dice che quest’anno, una delle celebrazioni del World Ocean Day si terrà l’8 giugno prossimo, alle 10, Tra Gaeta e Pantelleria, la bellissima isola italiana in grado di mostrare uno dei tratti più belli e ricchi del Mediterraneo come biodiversità, una biodiversità tutta da osservare e da studiare.

Ospiterà il convegno sia il parco Riviera di Ulisse che il Parco Nazionale di Pantelleria nella sua sede di Punta Spadillo, a cui si affiancheranno, nell’organizzazione dell’evento, la Regione Lazio – Ente Parco Regionale Riviera di Ulisse, l’Associazione per lo Sviluppo Sostenibile AIPU, il DISTAR Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse dell’Università Federico II di Napoli.

Dopo i saluti di Sonia Anelli, Direttore del Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria e di Carmela Cassetta, Presidente del Parco Regionale Riviera di Ulisse, si avvicenderanno i seguenti relatori con i rispettivi interventi: Sonia Anelli e Andrea Bidittu (La costa e il mare dell’isola di Pantelleria); Adriano Madonna (Gli oceani e i cambiamenti climatici); Patrizia Pretto (Progetto Micromar, microfibre e microplastiche in mare), Manuela Rossi, Erica Errico e Giovanni Cardone (Primi risultati del Progetto Micromar), Flegra Bentivegna (Le tartarughe marine e i cambiamenti climatici); Carlo Donadio (Progetto “RomEWind” Roman Environment Wind Indicators); Sergio Capucci (Azioni di successo per lo sviluppo sostenibile nelle piccole isole).

L’arch. Luigi Valerio ricorda che  l’8 giugno è la giornata mondiale dedicata agli oceani, istituita dall’ONU l’8 giugno 1992, in occasione del vertice sull’ambiente di Rio de Janeiro ecelebriamo la Giornata mondiale degli oceani e del mar mediterraneo per ricordare a tutti il ruolo principale che essi hanno nella vita di tutti i giorni.

Modererà il convegno Luigi Valerio.

Sarà possibile collegarsi in webinar (meet.google.com/zoe-gpii-uix)