UN GRUPPO DI LAVORO PERMANENTE PER VALORIZZARE LA VIA FRANCIGENA DEL SUD

Il Paese delle meraviglie a Minturno


Per la  Provincia di Latina la valorizzazione del patrimonio turistico, storico, culturale, enogastronomico e sociale, è fondamentale per lo sviluppo del territorio provinciale  e delle sue potenzialità.

Nell’ambito di tale obiettivo, si collocano gli Itinerari Culturali del Consiglio d’Europa, percorsi che, attraversando le città d’arte, borghi medievali, monasteri ed abbazie, contribuiscono a far riscoprire i nostri territori e allo stesso tempo le antiche vie percorse dai primi europei, per secoli luoghi di scambi culturali, diversità dialettiche e creatività.

Tra questi Itinerari si collocano le Via Francigene, che venivano percorse dai pellegrini europei per raggiungere Roma e poi proseguire per Gerusalemme. Nel Territorio pontino ricade parte della Via Francigena del Sud, che dalle tombe di S. Pietro e di S. Paolo, conduce ai porti pugliesi attraversando l’intero territorio provinciale, passando dai Monti Lepini, costeggiando l’intera Via Appia, da Latina a Minturno, fino al Garigliano nei pressi di Castelforte e Santi Cosma e Damiano e con diramazioni verso luoghi di culto importanti come Montecassino ecc. La stessa Via, soprattutto negli ultimi anni, deve annoverarsi tra le più importanti attrazioni turistiche locali, meta di numerosi frequentatori, pellegrini, amanti di sentieri storici-religiosi, con una conseguente ricaduta positiva per l’economia locale.

Considerato il richiamo attrattivo economico-turistico di questo antico percorso, la Provincia di Latina, la Compagnia dei Lepini, le Associazioni “Gruppo dei Dodici”, “Accompagna”, “Ti Accompagno” e “Cose Nuove”, hanno sottoscritto un Protocollo d’Intesa per la realizzazione di un “Laboratorio-Officina” in cui sarà possibile studiare, pianificare e attuare iniziative destinate a promuovere e valorizzare la Via Francigena del Sud nell’ambito territoriale della Provincia di Latina, potenziando così, le caratteristiche turistico-culturali e ambientali delle singole località che su di esso gravitano.

L’accordo ha il fine di costituire un gruppo permanente di lavoro e di servizio al territorio che dialogherà costantemente con le Comunità Montane e i Comuni per tutti gli aspetti legati alla Via Francigena del Sud. Tra gli obiettivi a breve termine: una ricognizione del percorso per verificarne la praticabilità, la cartellonistica e la stampa di una carta destinata ad aiutare i pellegrini nel percorso, la promozione di convenzioni con gli agriturismi pontini per un pacchetto ospitalità condiviso.

Alle Comunità Montana e ai Comuni è stato chiesto di fornire sinteticamente le seguenti notizie:

  • qualifica, nome e cognome, telefoni fissi e mobili, indirizzo di posta elettronica certificata e non , del Funzionario competente per materia;

  • segnalazioni sull’esistenza di fabbricati rurali che è possibile recuperare ai fini dell’accoglienza di pellegrini;

  • segnalazioni su eventuali criticità dell’itinerario per la parte ricadente nell’ambito di giurisdizione;

  • indicazioni per iniziative, progetti, eventi da realizzare, anche con il mondo della scuola.

La natura di questo lavoro è di carattere operativo ed aspira ad unire gli sforzi per una attività che sarà espressione di impegno comune e realizzato con le risorse che le istituzioni pubbliche potranno mettere in campo o acquisire partecipando ai bandi regionali.

 

le3cshop.com