Come una conchiglia …. colora la Sorresca

DSC_7195CULTURA: Presentato ieri sera “Come una conchiglia”, il nuovo libro di Sandra Cervone, una serie di racconti brevi, versi e riflessioni ricordando il viaggio fatto a Taiwan (7/23 agosto 1989), presentati nella cornice mistica della Chiesa della Sorresca, resa ancor più bella dai colori della mostra di Roza Bibili intitolata “Un amore infinito”.

“Il libro prende spunto – dice la scrittrice – da un viaggio che ho fatto nell’isola di Taiwan, nell’ormai lontano 1989, che all’improvviso è tornato alla mia memoria, ed ha stuzzicato la creatività della mia scrittura, guardando sulla mia scrivania, proprio una pietra che sembra una conchiglia, da qui il titolo del libro”

E’ un libro da leggere tutto d’un fiato per lasciarsi trasportare dalle le emozioni che suscitano i racconti, e le riflessioni di Sandra Cervone.

DSC_7192Ad aprire la presentazione del libro, l’Assessore alla Cultura del Comune di Gaeta, Francesca Lucreziano, che da tempo si sta impegnando per portare avanti il progetto di creare nella chiesa della Sorresca, una casa della cultura a 360°, prima con “Vivi l’arte” la settimana della cultura ed ora con “Inchiostro”.

“Un bellissimo punto dove incontrarsi e stare insieme per parlare di cultura – afferma l’assessore – cultura a 360°. Questo deve essere un luogo dove, le associazioni, gli artisti ed i promotori di cultura possano incontrarsi”. 

La serata è stata condotta da Max Condreas, nelle inedite vesti di presentatore, ed ha visto la presenza oltre che dell’autrice e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Gaeta, anche della scrittrice Alessia Maria Di Biase, e del Critico Alessandro Izzi, autore della prefazione di “Come una conchiglia”.

di Enrico Duratorre

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.