C REGIONALE: LA FABIANI DOMINA IL DERBY DEL GOLFO

Il Paese delle meraviglie a Minturno


Si è colorato di giallo-rubilio il tanto atteso Derby del Golfo tra Serapo Gaeta e Fabiani Formia nella ventitreesima giornata del Campionato di C Regionale, disputatosi nella tensostruttura di Itri, lontano dal Palamarina di Gaeta, indisponibile per questa classica del Golfo.

Nella gremita palestra di Itri, infatti, i ragazzi di coach Conte hanno dato saggio, ancora una volta, di cosa sono capaci di fare e di come questa compagine ha la possibilità di cogliere il risultato pieno su ogni parquet di gioco..

A farne le spese sono stati proprio i malcapitati cugini bianco-verdi caduti sotto i colpi terrificanti della SQUADRA formiana, capace di andare a canestro con tutti i nove uomini utilizzati e con sei di essi in doppia cifra. Questa è stata la forza di Odone Zamo e compagni, che unita al carattere, tecnica ed attenzione alla gara ha permesso loro di aggiudicarsi meritatamente l’atteso derby sui volenterosi ragazzi di Alfredo Miele che hanno resistito onorevolmente, pungendo più volte nell’arco della disputa ma mai dando l’impressione di farla loro, a causa della più forte determinazione  dimostrata dagli avversari.

Nelle prime battute, parte bene il Serapo Gaeta che si avvantaggia di poche lunghezze, ma ben presto Milone e D’Orta, in buona serata, riescono a frenare lo slancio di Macaro e Violo, portandosi anche avanti di qualche punto che a fine quarto vengono completamente recuperati sotto i colpi di Ferraiuolo ed Addessi quest’ultimo  galvanizzato di ritornare a giocare davanti ai propri concittadini itrani, chiudendo la prima frazione sul punteggio di 21-20 a loro favore.

Tutt’altra musica si comincia ad assistere nel secondo quarto, dopo ancora una buona partenza del Gaeta, in campo si vede una sola squadra: la Fabiani, capace di assestare un perentorio   30 – 45  alla fine del quarto, che la dirà lunga sul risultato finale della gara.

La ripresa, dopo l’intervallo, è una fotocopia del quarto precedente, ad una buona reazione di Siniscalco e Violo rispondono da grande squadra Guastaferro, un sorprendente Zamo (attivissimo da alcune gare) ed il giovane La Mura, autore di una grande prestazione e guidati da un sempre validissimo Odone raggiungono anche un più venti sugli avversari.

L’ultimo quarto, vede una Serapo Gaeta sfoderare un grande orgoglio dei propri senatori, che da esperti quali sono si portano addirittura a meno sei dagli avversari e solo una bomba di Guastaferro li ricaccia indietro a doppia cifra, tagliando le gambe ai volenterosi bianco-verdi, che a questo punto ricorrono al sistematico fallo al tiro scegliendo male il proprio interlocutore nel subentrante Diaz, che sostituiva un validissimo D’Orta, e che per nulla intimorito metteva a segno i relativi tiri liberi e solo allora i bravi atleti della Serapo Gaeta, reduci da tante belle opportunità offerte in questi anni, alzavano bandiera bianca davanti ai propri avversari riconoscendone la superiorità.

 

TABELLINI:  SERAPO GAETA – FABIANI FORMIA     76 – 88

                       Parziali: (21 – 20;  30 – 45;  47 – 61).

 

SERAPO GAETA:  Vagnati, Addessi 14, Violo 29, Macera, Nardella, Palmieri, Macaro 14,

                                Marrocco 4, Siniscalco 8, Ferraiuolo 7.

                                All: Miele

FABIANI FORMIA: Russo, Dias 4, D’Orta 13, Spada 7, Guastaferro 20, D’Isep 2, Milone 12,

                                  Odone 10, Zamo 10, La Mura 10.

                                  All:  Conte

Arbitri: Tripi di Roma e Panici di Fondi.

 

le3cshop.com