Castelforte: “La canzone di Lola” Un romanzo di Giuseppe Lucio Fragnoli. La storia inizia da tre spietati e stranissimi omicidi, portati a termine in terra pontina, ma rimasti impuniti. La storia dello spietato killer Lola, il complicato tema della diversità, il mutato rapporto tra uomini e donne ………..

Le3cshop

Si intitola La canzone di Lola, il romanzo pubblicato agli inizi di questo mese da Giuseppe Lucio Fragnoli, con Edizioni Emmegi di Castelforte ed acquistabile in ebook sui maggiori store librari on line. In realtà si tratta di una riedizione di un libro già pubblicato nel 2005, ma rivisto e ampliato,
con una nuova impaginazione e una nuova grafica di copertina.
La storia inizia da tre spietati e stranissimi omicidi, portati a termine in terra pontina, ma rimasti impuniti. Lo scrittore Gino Spirito, esperto di delitti e di altre questioni malavitose, se ne occupa per conto di un noto programma televisivo. Nel tentativo di ricostruire il mistero che li circonda, tra
un’avventura sentimentale e l’altra, il criminologo e consulente redattore si imbatte però in una brutta vicenda, che finisce per incrociarsi pericolosamente con il suo amato lavoro e con la sua tranquilla vita di romanziere minore. Il pasticciaccio criminale e sanguinario all’italiana, un po’ come i western-spaghetti, si sviluppa tra Latina e Marina di Minturno, in uno scenario di luoghi esistenti che, per necessità narrative, sono stati talvolta trasformati dall’autore. Tra tutte le ambientazioni, la meglio riuscita è quella della casa al mare del protagonista, inserito in una fitta pineta, che in verità non esiste più da molto tempo. Così come sono tutti di completa invenzione i personaggi, principali e non, comparse comprese, tutti esclusivamente funzionali alla messinscena scrittoria e al
messaggio complessivo racchiuso nel romanzo. Ne La canzone di Lola Fragnoli affronta, secondo
una sua personalissima convinzione, il complicato tema della diversità, in una lunga narrazione
che si dipana su due binari paralleli e differenti: primo, la quotidiana commedia del protagonista,
alla ricerca continua di un’avventura sentimentale e di una storia da raccontare; secondo,
l’inesorabile tragedia che si compie intorno a lui, la storia dello spietato killer Lola, dai risvolti
incredibili e crudeli insieme, rappresentata finanche in video da quel complesso di specialisti che
chiamiamo banalmente informazione, in un mondo ipocrita e falsificato.
Non mancano, ovviamente, altri spunti che potranno far riflettere il lettore, come, per esempio, il
mutato rapporto tra uomini e donne, che risente, come ogni altro fenomeno sociale, dei modelli
imposti dai mezzi di comunicazione, della maggiore libertà individuale, dello sconvolgimento dei
costumi tradizionali e degli stili di vita.

Giuseppe Lucio Fragnoli è nato a Castelforte il 12 dicembre 1956, architetto libero professionista ed insegna Disegno e storia dell’arte presso il Liceo Scientifico Statale Leon Battista Alberti di Minturno (LT).

PUBBLICAZIONI

Ha pubblicato i romanzi: La festa dei cani (1999) Caramanica Editore; Quell’impicciatissima vicenda
di donne diavoli ed altre stranezze (2000) Firenze Libri; Miracolo al bar (2001) Edizioni Emmegì;
Ottocento (2001) Edizioni Emmegì; Tutta colpa di Capuozzo (2002) Edizioni Emmegì; Nero Napoletano (2003) Edizioni Emmegì; La canzone di Lola (2005) Edizioni Emmegì; Una balorda faccenda di camorra (2008) Edizioni Emmegì; Edvige Salvami (2010) Edizioni Emmegì; La festa dei
cani (2013) Edizioni Emmegì – con testo completamente rielaborato -, Il Tempo Magico (2017) Edizioni
Emmegì, La Dea Terra (2017) Edizioni Emmegì ; Noir napoletano (2018) BookSprint Edizioni; e la
raccolta di racconti Storie crudeli (2012) Edizioni Emmegì.
Caravaggio e le storie di San Matteo in San Luigi dei Francesi, già in parte pubblicato sul Blog
Giuseppe Lucio Fragnoli News.
È inoltre autore dei Blog di critica d’arte Giuseppe Lucio Fragnoli News, G. Lucio Fragnoli Art, GLF Art
Village e del sito Giuseppe Lucio Fragnoli Museum.
Come paroliere ha scritto gran parte dei testi delle canzoni contenute nell’album Hotel Kabul di G. Falso.

RICONOSCIMENTI

Si è classificato terzo al concorso letterario I racconti di Sabaudia (2006) con il racconto Rospetto e
Patata, pubblicato sull’antologia I racconti di Sabaudia edito da Baldini Castoldi Dalai.
È stato selezionato per l’antologia Ego Racconto Latina 2006, con il racconto La capricciosa storiella…
È stato selezionato per l’antologia Giallolatino 2011, con il racconto Una stupida serata di Carnevale.
È stato finalista al Concorso Letterario Internazionale Il Minturno Edizione 2006, col romanzo La
canzone di Lola, ricevendo una segnalazione di merito.
È stato finalista al Concorso Letterario Internazionale Il Minturno Edizione 2008, col romanzo Una
balorda faccenda di camorra, ricevendo una segnalazione di merito.
Ha ricevuto il riconoscimento di Autore dell’anno 2010 dal Sistema Bibliotecario del Sud Pontino col
romanzo Edvige salvami. Ha partecipato, inoltre, a vari progetti provinciali con fini sociali e culturali.