Cellole – Il depuratore di Baia Domizia è in funzione da oggi.

Il depuratore di Baia Domizia è in funzione da oggi. Lo ha assicurato il sindaco di Cellole, Aldo Izzo. A differenza di come si è temuto in un primo momento che l’impianto potesse ritornare a funzionare solo dopo quattro o cinque giorni dal raid vandalico, oggi invece ha ripreso la sua attività grazie alla società che lo gestisce che ha portato in loco un gruppo elettrogeno. Intanto, sono iniziati anche i lavori di ripristino e dunque entro lunedì riprenderà a pieno regime la sua attività, visto che al momento con il gruppo elettrogeno lavora parzialmente. “Un’altra notizia confortante- dichiara il sindaco Izzo- è che il danno subito dall’impianto sarà a carico dell’assicurazione e dunque completamente risarcito dalla stessa. I cinquantamila euro di danno che il furto dell’altra notte ha provocato  non ricadranno sulle tasche dei cittadini cellolesi, come era stato paventato in un primo momento”. Ricordiamo che l’altra notte presso l’impianto di depurazione c’è stato un raid vandalico ed il conseguente furto di fili di rame. Ad accorgersi dell’accaduto sono stati i dipendenti della società ‘Riccio’ che gestisce l’impianto. Immediatamente è stato allertato il sindaco, Aldo Izzo, che è arrivato subito sul posto accompagnato dal dirigente del settore Ambiente ed Ecologia del Comune, Franco Sorgente. Il primo cittadino giunto sul luogo del raid, perpetrato ai danni del depuratore nel corso della notte scorsa, non ha potuto fare altro che constatare l’accaduto e fare un bilancio del danno subito. Ignoti, infatti, si sono introdotti nella notte all’interno dell’impianto, hanno divelto prima le porte esterne e poi quelle interne. Una volta all’interno hanno iniziato a ‘zappare’ prelevando i fili di rame nel suolo per poi portarli via. Lì dove non sono riusciti a rubarli li hanno comunque tagliati portando a termine un danno non indifferente. Hanno anche distrutto sia la cabina esterna che quella interna.

 

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo