Chiuso il Festival delle Emozioni con un bagno di folla, si lavora già per la IV° edizione

Le 3C Minturno”Tutto per la scuola” tel 3806477415

Facebooktwitter

ATTUALITA’: Chiusura con bagno di folla per il III° Festival delle Emozioni che ha animato il centro storico di Terracina e non solo, le sue piazze ed i suoi antichi vicoli ricchi di resti che trasudano storia.

Una settimana che ha reso Terracina centro emozionale della nostra società, emozioni raccontate, cantate e recitate, con oltre sessanta eventi a creare un ricco panorama che ha catturato l’attenzione di grandi e piccini, ma anche di tanti giovani.

Dalle conferenze, ai laboratori esperenziali, dagli spettacoli teatrali a quelli musicali, passando attraverso le storie di tanti personaggi che si sono alternati sul palco del Festival, personaggi famosi, ma anche piacevoli scoperte, che vivono la loro vita guidati dalle emozioni e che nel corso della manifestazione hanno voluto condividere le loro esperienze con il pubblico, attraverso un contatto diretto.

“Il festival delle emozioni è di tutti” avevano esordito gli organizzatori nella giornata inaugurale e così è stato, perchè ognuno vive le emozioni a modo proprio ed attraverso i tanti incontri, chi ha partecipato, ha potuto capire, conoscere ed educare le proprie emozioni, andando via arricchito e magari cambiato.

Il Festival ha chiuso i battenti in una piazza affollata in ogni ordine di posto, con tanta gente festante che quasi non voleva andar via, mentre nella piazza risuonavano le note travolgenti della musica popolare di Ambrogio Sparagna e dell’Orchestra Italiana; l’ondata di emozioni di cui gli orgnizzatori avevano parlato durante tutto il periodo di attesa dell’inizio del festival ha davvero travolto tutti, arricchendo l’animo di chi ha saputo e voluto lasciarsi emozionare.

Così mentre si spengnevano le luci e si chiudevanmo i sipari, già si pensava alla prossima edizione, pronti ad intraprendere un nuovo viaggio tra le emozioni, con una valigia arricchita dalle tante esperienze e con la voglia di emozionare ancora.

di Enrico Duratorre