Fondi: Furti, il sindaco e le forze dell’ordine incontrano i residenti di San Magno

iPhone 12 Pro, 4.2mm, f/1.6, 1/2053sec, ISO32 | Photo by ANSA
Durante una lite condominiale avvenuta a Roma un 60enne, residente a Ponte Galeria, Ë stao aggredito con calci e pugni e con una mazza da baseball e un mattarello in legno. La vittima Ë deceduta per le ferite riportate al Policlinico Gemelli. Le tre persone accusate della sua morte sono state sottoposte a fermo per omicidio in concorso. Si tratta di un siriano, 26enne, e di due italiani di 37 e 30 anni, tutti con precedenti. Nell'aggressione avvenuta alcuni giorni fa Ë rimasta ferita anche un'altra persona Ad eseguire il fermo sono stati i carabinieri della compagnia di Roma Ostia e, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma, Ë stato convalidato dal Tribunale di Roma che ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere per tutti e tre.. Nel corso delle perquisizioni che sono state seguite a casa di uno dei tre, i militari hanno sequestrato una mazza da baseball che non si esclude sia la stessa utilizzata durante la lite. ANSA/CARABINIERI ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING NPK

Tantissimi i cittadini che ieri hanno preso parte all’incontro pubblico organizzato dal Comitato San Magno, su richiesta del sindaco di Fondi Beniamino Maschietto e alla presenza delle forze dell’ordine, per affrontare il problema dei furti. Un fenomeno che riguarda l’intera città e tutto il territorio provinciale ma che, negli ultimi giorni, ha destato preoccupazione nella contrada al confine nord della città.

Molti i cittadini accorsi che hanno condiviso la propria esperienza in termini di furti subiti o sventati da allarmi, cani da guardia o altre circostanze che hanno messo in fuga i malviventi. Tanti anche coloro che non sono stati interessati dal fenomeno ma hanno chiesto delucidazioni o formulato domande.
Il vice questore Raffaele Iasi, con grande disponibilità, ha illustrato l’impegno della polizia, così come delle altre forze dell’ordine, sul territorio ma ha a sua volta sottolineato l’importanza di segnalare eventuali episodi criminosi al 112 con tempestività. Agenti e militari stanno pattugliando il territorio giorno e notte, anche in borghese, e moltissimi sono gli elementi a disposizione degli investigatori.

«L’incontro – ha commentato il sindaco Maschietto – è stato utile a doppio senso: da una parte le forze dell’ordine hanno avuto modo di apprendere elementi di cui altrimenti non avrebbero avuto contezza proprio per via di una radicata refrattarietà alla segnalazione e alla denuncia da parte dei cittadini. Continua infatti a serpeggiare un’errata convinzione che rivolgersi a polizia o carabinieri sia inutile. Dall’altra i residenti hanno potuto formulare domande e hanno avuto modo di percepire la presenza delle istituzioni e delle forze dell’ordine sul territorio. Tutto quanto è in nostro possesso lo stiamo facendo anche se, naturalmente, come amministratori non possiamo che supportare l’Arma dei Carabinieri e la Questura in quanto ci viene chiesto, augurandoci che i malviventi vengano assicurati alla giustizia al più presto e che venga ripristinato il clima di serenità della contrada e dell’intera città. Colgo occasione per ringraziare il comitato San Magno nella persona del presidente Lino Conti per aver organizzato l’incontro e averci dato la possibilità di incontrare un gran numero di cittadini».  

Pubblicità