Formia: Sbloccati 550 milioni di euro previsti nel PNRR, per una serie di investimenti sulla sanità del Lazio. Il Dono svizzero resta a bocca asciutta

Le3cshop

Con le tre delibere regionali del 30 dicembre scorso, la Giunta della Regione Lazio ha sbloccato 550 milioni di euro previsti nel PNRR, per una serie di investimenti sulla sanità del Lazio. Sono stati pianificati nella provincia di Latina: 18 case di comunità; 6 ospedali di comunità; 5 centrali operative territoriali. Tutto con un investimento di 39,2 milioni di euro. 
Dichiara il presidente Zingaretti: ” un forte segnale di speranza per tutte le cittadine e i cittadini del Lazio…ora è il momento di un salto nel futuro”. 
Al Dono Svizzero dea di primo livello, unico presidio ospedaliero del sud pontino, ospedale che risponde alle esigenze sanitarie di oltre 150mila abitanti, di quei 32,2 milioni di euro non ne è arrivato neanche uno.
Presidente Zingaretti qui non solo non è arrivato il “segnale di speranza”, ma abbiamo fatto altro che un salto nel futuro, abbiamo fatto un “salto nel buio”.
Chissà se la Giunta regionale, mentre firmava quelle delibere, era a conoscenza di cosa sia il nostro Dono Svizzero. Ad esempio se sapeva che proprio il 30, ed anche il 24 e 31 dicembre e il primo gennaio il centro trasfusionale di Formia aveva sospeso il servizio delle donazioni di sangue, ai donatori, ai tanti generosi donatori è stato impedito donare, per mancanza di personale? Per mancanza di tecnici? Per volontà del dottor Equitani da Latina?  Non lo sappiamo, non si sa! 
Chissà se la Giunta regionale sapeva che nel reparto di Rianimazione di Formia ci sono 7 letti di cui solo 2 idonei, letti elettrocomandati per lunga degenza, gli altri 5, qualcuno pure prestato da altri reparti, non sono adatti ai malati della rianimazione, eppure all’ospedale di Fondi c’erano letti inutilizzati di un reparto di Rianimazione attrezzato ma mai aperto, ma Fondi è Fondi e non si tocca!
Chissà se la Giunta regionale sapeva di tutte quelle richieste di macchinari, carrelli bariatrici, monitor, ecografi, letti operatori e tanto altro che sono in attesa di una risposta, qualcuna da mesi, qualcuna anche da anni!
Eppure di 39,2 milioni di euro, neanche uno è arrivato al Dono Svizzero, il nostro ospedale resta a bocca asciutta, l’intero nostro territorio resta senza speranza, senza futuro e al di fuori di ogni logica al di fuori di tutto anche della Costituzione.


La Consigliera del comune di Formia Paola Villa