Gaeta: Medici di Famiglia e PPI sotto attacco. Gli effetti delle politiche liberiste e la faccia tosta di Mitrano.

Da anni denunciamo, spesso in solitudine, il processo verso la definitiva chiusura dei Punti di Primo Intervento tra cui quello di Gaeta, coincidente con la fine di quel poco che resta del Presidio ospedaliero “Di Liegro”. Da anni rendiamo note le responsabilità ampiamente trasversali delle forze liberiste, da destra a sinistra, e l’indifferenza di tutto il ceto politico locale. E sempre da anni ripetiamo che la soluzione dei problemi non può essere cercata unicamente nella pur doverosa e ferma difesa di quanto rimasto, ma deve passare per una radicale revisione del modello fallimentare seguito a livello regionale. Esso consiste nel progressivo depotenziamento dei centri esistenti e diffusi sul territorio in favore di pochi e grandi poli ospedalieri e soprattutto del business della sanità privata, mentre noi rivendichiamo il ripristino dei servizi soppressi presso i nosocomi quali il nostro, Pronto Soccorso in primis. Già in diverse occasioni siamo riusciti ad esercitare una forte pressione supportata dall’opinione pubblica locale e dalle mobilitazioni che abbiamo organizzato con presidi, manifestazioni e petizioni bloccando quanto stava accadendo. Tuttavia eravamo ben consapevoli del fatto che la volontà di colpire il nostro Punto di Primo Intervento fosse concreta e l’esecuzione di quanto previsto solo rinviata. È di dominio pubblico infatti la notizia che quanto abbiamo denunciato si concretizzerà il primo gennaio del 2020 con la chiusura notturna del servizio. Altro aspetto grave e purtroppo da noi previsto consiste nel coinvolgimento annunciato dei medici di famiglia nella gestione del centro ambulatoriale che sostituirà il PPI. Tale scelta è l’evoluzione naturale di quanto già accaduto con l’istituzione della “medicina di gruppo” tra i medici della mutua. Questo sistema, spacciato come frutto di scelta volontaria dei medici condotti, i quali hanno ricevuto invece pressioni di vario genere per aderirvi, ha minato pesantemente l’autonomia professionale del medico di famiglia colpendo quel rapporto di conoscenza e fiducia continuo e diretto tra questa figura e il suo assistito, considerato uno dei punti di maggior prestigio e qualità del nostro sistema sanitario. Con l’ospedalizzazione di fatto del medico di famiglia si compirebbe il passo definitivo verso la rottura di questo rapporto tra paziente e medico. Ci sorprende in tal senso che i medici di base e le loro sigle non si siano ancora, a quanto ci risulta, espressi pubblicamente in merito al fine di scongiurare questo infausto destino. Sorprende ancor di più la faccia tosta del Sindaco Mitrano che, dopo aver negato per anni quanto denunciavamo, essersi posto in modo ostile nei riguardi delle mobilitazioni che abbiamo organizzato in tal senso trattandoci come visionari, essersi vantato degli ottimi rapporti con la dirigenza della Asl millantando anzi in più occasioni l’imminente potenziamento dei servizi sanitari locali ed infine dopo avere addirittura approvato, malgrado i nostri appelli, diversi Piani aziendali che prevedevano a chiare lettere quanto sta accadendo, a cose ormai fatte, ha il coraggio di inviare ai giornali una nota pubblica in cui si mostra indignato per le decisioni prese e finge di essersi opposto alla loro attuazione. La verità, ormai da tempo sotto gli occhi di tutti, è che l’attacco alla sanità pubblica è frutto di un patto scellerato tra le maggiori forze politiche del paese che, al di là degli scontri di facciata, condividono e portano avanti le stesse identiche politiche decise dai burocrati di Bruxelles. Dal PD a Forza Italia e alla Lega tutti hanno assecondato quanto avviene, passando dai 5 stelle che dopo tanti proclami, una volta al governo, nulla hanno fatto di concreto, per invertire realmente il processo in corso. Facciamo invece appello ancora una volta ai cittadini per mobilitarsi con ogni mezzo al fine di impedire quanto accade, in primo luogo individuandone i responsabili. Comunicato Stampa del PARTITO COMUNISTA SEZIONE “MARIANO MANDOLESI” – GAETA 

Mail priva di virus. www.avast.com

2 allegati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.