Latina: APPROVATO IL BILANCIO DI PREVISIONE DEL 2013

Con il voto favorevole di tutta la maggioranza, il Consiglio Comunale di Latina ha approvato al termine di una lunga seduta consiliare il bilancio di previsione 2013.

Numerosi gli interventi in aula da parte degli esponenti di tutte le forze politiche, maggioranza e opposizione, al termine dei quali è stato il Sindaco Giovanni Di Giorgi a spiegare le linee guida che hanno ispirato la relazione del bilancio.

“Questo è un bilancio ragionato, che ha una visione strategica della città sia sulle opere pubbliche sia sui servizi ai cittadini senza aumentare le tasse – ha affermato il Sindaco Giovanni Di Giorgi – Insieme all’intera maggioranza abbiamo scelto di non fare emendamenti al piano delle opere pubbliche del bilancio stesso, proponendo un documento contabile dai contenuti importanti. Ma soprattutto, a fronte di ulteriori sette milioni di tagli dal Governo rispetto al 2012, abbiamo deciso di non far pesare i tagli sui cittadini. A fronte, di ciò vi è il mantenimento del livello dei servizi: Latina è l’unico grande Comune italiano a non aver aumentato le tasse per i cittadini.

Dall’altra parte, attraverso le non molte risorse a disposizione, abbiamo voluto concentrare gli investimenti su alcune opere che riteniamo strategiche per il futuro della città perché si vanno ad integrare con le opere già in atto, dalla riqualificazione del litorale ai programmi di ciclabilità e mobilità sostenibile. Cito gli interventi programmati più importanti:

1) progetto per la pavimentazione e pedonalizzazione del centro cittadino. In bilancio abbiamo infatti stanziato 1.4 milioni di euro che sono propedeutici alla chiusura del centro; colgo inoltre con soddisfazione il fatto che anche l’opposizione intende portare avanti il progetto di pedonalizzazione;

2) riqualificazione del mercato annonario;

3) interventi nelle zone periferiche con opere racchiuse nel cosiddetto “piano borghi”, confermando che la nostra attenzione è per il centro, il lido ma anche i borghi e le zone periferiche;

4) recinzione del parco “A. Mussolini” e riqualificazione del monumento ai caduti, in vista del progetto riqualificazione complessivo e messa in
sicurezza dell’area;

5) interventi per la eliminazione delle barriere architettoniche;
6) interventi per la manutenzione degli edifici scolastici, a cui si aggiunge l’adeguamento o la realizzazione di ascensori, per i plessi che ne sono sprovvisti, il collegamento delle caldaie degli edifici scolastici alle rete del gas (per le scuole ancora alimentate a gasolio, con notevoli risparmi), e l’incremento del fondi di dotazione scolastica;

7) la messa in sicurezza di via Epitaffio;

8) la riqualificazione del parco S. Marco, con la creazione di uno skate-park.

I nostri sforzi sono stati mirati a non fare tagli per il sociale e ai servizi ai cittadini nonostante i minori trasferimenti dal Governo e i vincoli del Patto di stabilità”.

Il Sindaco, a nome della maggioranza, ha poi spiegato che le opere previste nel bilancio si integrano con quelle già avviate secondo una precisa programmazione strategica:

“Voglio sottolineare con forza che, nonostante il momento economico difficile per tutto il paese, negli ultimi mesi a Latina abbiamo avviato cantieri per circa 20 milioni di euro, con le seguenti opere:

  • riqualificazione della marina con il PLUS,

  • Riqualificazione della zona di Pantanaccio con il previsto ponte di collegamento con via Ezio e via dei Volsci

  • Progetto esecutivo delle piste ciclabili in centro

  • La riqualificazione di Piazza Moro e della Casa Cantoniera di Borgo Sabotino

Nel piano triennale delle opere pubbliche sono poi previsti numerosi interventi per, borghi, quartieri, aree della città ma con questo bilancio siamo sicuri di poter dare risposte importanti ai nostri cittadini – conclude il Sindaco Di Giorgi – con l’auspicio che dal prossimo anno ci siano più risorse per i Comuni e il Governo centrale cessi di operare tagli indiscriminati, considerando i Comuni stessi come strumento per spremere i cittadini”.

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo