Latina: E’ morto al “San Camillo” di Roma, il bracciante abbandonato in strada con un braccio amputato da un macchinario per l’imballaggio del fieno

pubblicità

Satnam Singh muore dopo un incidente sul lavoro: il datore di lavoro indagato per omicidio colposo

Satnam Singh, un bracciante agricolo indiano di 31 anni, è morto tragicamente in ospedale a seguito di un grave incidente sul lavoro avvenuto lunedì 17 giugno 2024 a Latina. L’uomo era rimasto gravemente ferito mentre lavorava in un’azienda agricola di Borgo Santa Maria, dove ha perso il braccio destro in un macchinario avvolgitore di plastica trainato da un trattore, che gli ha anche schiacciato gli arti inferiori.

Invece di essere soccorso, Singh è stato abbandonato nei pressi della sua abitazione con il braccio amputato. Trasportato d’urgenza in elicottero all’Ospedale San Camillo di Roma, il 31enne è purtroppo deceduto nella mattinata di mercoledì 19 giugno.

Il datore di lavoro di Singh è ora indagato per omicidio colposo e omissione di soccorso. Il Sindaco di Latina, Matilde Celentano, ha espresso cordoglio alla famiglia della vittima e ha definito l’accaduto “una violazione dei diritti umani fondamentali, della dignità umana e delle norme inerenti la sicurezza dei lavoratori”. Celentano ha inoltre annunciato l’intenzione del Comune di costituirsi parte civile nel processo.

La Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, ha dichiarato: “La morte del bracciante agricolo indiano desta grande dolore“. Ha espresso il cordoglio del governo e ha assicurato la massima collaborazione alle autorità per accertare i fatti e punire i colpevoli.

Anche il presidente della commissione Lavoro del Consiglio regionale del Lazio, Orlando Tripodi, ha espresso profondo cordoglio e ha annunciato la convocazione di una commissione ad hoc per contrastare il fenomeno del caporalato.

La morte di Satnam Singh ha suscitato sgomento e indignazione in tutto il paese, con molti che chiedono giustizia per la vittima e un’azione più incisiva contro lo sfruttamento e il caporalato.

Le autorità competenti stanno indagando sulla vicenda per accertare tutte le responsabilità.

Pubblicità