“Michelangelo, Burri e Hartung nelle foto di Aurelio Amendola”

I.T.E. Tallini Castelforte

StampaCULTURA: Sarà inaugurata il prossimo 2 luglio, alle ore 18,00, presso la Pinacoteca Comunale di Palazzo San Giacomo, la mostra fotografica di Aurelio Amendola dal titolo “Michelangelo, Burri e Hartung nelle foto di Aurelio Amendola”.

Fotografo di lungo corso e toscano autentico, Aurelio Amendola, dopo aver posto  casualmente l’attenzione  sulla grande Arte, ne diventa ”involontariamente interprete” per la sua naturale sensibilità; i capolavori di Michelangelo, attraverso i suoi scatti rivelano ogni aspetto della loro grandezza.

Le sue foto sono state esposte in numerose parti del mondo: storiche  quelle dell’Hermitage di San Pietroburgo nel 1997, che per la prima volta apre all’arte fotografica, e degli Uffizi nel 2016.

Aurelio-AmendolaAmendola rivolge poi il suo sguardo all’Arte del secondo Novecento, immortalandone grandi protagonisti come De Chirico, Lichtenstein, Pomodoro, Schifano, Wahrol, Marini, Burri, Manzù, Kounellis, Melotti  e Hartung nei loro gesti creativi.

La sua ricerca risulta essere una “lente di ingrandimento” che aiuta a cogliere il senso, la profondità e i misteri  dell’Arte contemporanea, facilitandone, altresì, attraverso la fotografia, una più larga conoscenza e diffusione, ricevendo numerosi riconoscimenti quali il premio “Cino da Pistoia” del 1997, il premio “Micco”, nonchè la “Laurea Honoris Causa dell’Università di Catanzaro” .

In occasione della mostra, la città di Gaeta conferirà all’Artista il premio “Una vita per l’Arte” 2016, attribuito annualmente a personaggi che hanno dedicato all’Arte la loro vita.

La Mostra promossa dal Comune di Gaeta, dall’Associazione Culturale Novecento, dalla Montecarlo International Art e dal gallerista Antonio Sapone, conta ben 65 opere del grande fotografo pistoiese dedicate a Michelangelo Buonarroti, Alberto Burri e Hans Hartung, sarà presentata da Giorgio Agnisola e Marcello Carlino e resterà aperta fino al prossimo 9 ottobre 2016.

di Enrico Duratorre

 

Gli ultimi post su Facebook di Telegolfo