Mondragone: Successo per l’Orto didattico scuola-famiglie al Rodari

Pubblicità

Mondragone. Un Orto didattico realizzato dagli alunni della direzione didattica Mondragone terzo circolo, nell’ambito del Por Triennale 2017-2020, col contributo di genitori e insegnanti per far aumentare la sensibilizzazione sul tema dell’agricoltura biologica e della cultura rurale e agricola. E’ il progetto presentato quest’oggi all’Istituto Rodari di Mondragone.  “Tra le novità più particolari – spiega la referente del progetto Laura Zannini – vi è la realizzazione di una vite – vigneto, che rappresenta il trampolino di lancio per il progetto ‘adotta una vite’ , grazie al quale i bambini di oggi lasceranno una vite da seguire con amore a quelli che verranno. Abbiamo voluto – continua la referente – attraverso quest’orto, regalare un po’ di colore ed una maggiore sensibilità sul tema. Speriamo di esserci riusciti.” Il progetto dell’orto didattico si è sviluppato in totale sinergia tra il Dirigente scolastico Carmelina Patri, gli insegnanti, gli alunni e le famiglie. Queste ultime hanno contribuito in maniera fattiva alla riuscita dell’esperimento. Alla giornata di presentazione del lavoro svolto, ha partecipato anche il Sindaco Virgilio Pacifico, il Presidente del Consiglio Comunale Claudio Petrella ed il Presidente Acli Terre Michele Zannini, oltre a diversi assessori e consiglieri comunali. Anche alle attività della giornata hanno preso parte diversi genitori ed un gruppo di nonni, i quali si sono esibiti a suon di musica contemporanea. “Le attività di oggi – commenta il Dirigente scolastico Carmelina Patri – rappresentano il coronamento di un percorso fatto in totale sintonia tra alunni, famiglie ed insegnanti. Scuole aperte, accoglienza e rispetto rappresentano i cardini di una cittadinanza attiva e consapevole. Siamo una scuola del fare, dell’agire, che rispetta i canoni dell’attivismo pedagogico perché ci crediamo fermamente. Favoriamo ambienti costruttivisti ed innovativi. Tutto in funzione – conclude la Dirigente – di una maggiore condivisione dello spirito comunitario.”