Paola Villa. Ndrangheta ora tocca a Formia

La domanda che facemmo: “ma dove li hanno presi i soldi per aprire i locali in piena pandemia e soprattutto di chi fossero quelle lamborghini parcheggiate in bella mostra nel parcheggio di largo Paone”.

Due locali, nella centralissima Piazza Testa, la pasticceria Santoro e il ristorante “Pesce Matto”, colpiti da interdittiva antimafia, firmata dal prefetto di Latina.

Neanche un mese fa lo scioglimento dei due comuni di Anzio e Nettuno, per infiltrazioni legate alla ndragheta, ed oggi tocca a Formia.

Da un piccolissimo paese della Calabria, neanche 5000 abitanti, in provincia di Reggio Calabria, proviene la famiglia di ndrina, la famiglia Talia di Bova Marina, alla quale sono legati i Santoro.

Tutto si deve ad una dettagliata indagine dei Carabinieri di Formia guidati dal maggiore Pascale, che hanno ricostruito la presenza della ndragheta, i suoi affari e i soldi riciclati e reinvestiti nelle attivitá formiane.

Ovviamente stamattina le attività erano aperte, ma ora ognuno di noi sa e NON DEVE far finta di non sapere e forse dovrebbe iniziare a scegliere dove spendere i propri soldi.

Pubblicità