Una commovente cerimonia ha inaugurato l’apertura della nuova sede del distaccamento della polizia stradale di Borgo Centore.

Pubblicità

Pubblicità

Una commovente cerimonia ha inaugurato l’apertura della nuova sede del distaccamento della polizia stradale di Borgo Centore. Alla presenza delle autorità militari e politiche è stato tagliato il nastro  questa mattina alla struttura fortemente voluta dall’amministrazione comunale di Cellole, guidata dal sindaco Aldo Izzo. Il picchetto d’onore ha fatto da sfondo all’ingresso nella parte esterna della struttura delle massime autorità militari, nella persona del dirigente del Compartimento di Polizia stradale per la Campania e il Molise, dottor Giuseppe Salomone e del prefetto Alessandro Maragoni che nel ’92 ha diretto la squadra mobile di Verona ed ha avuto come assistenti Vincenzo Erminio Bencivenga ed Ulderico Biondani, i due eroi morti durante l’esercizio del loro lavoro. Ed, infatti, proprio a Bencivenga ed a Biondani, vittime del dovere e medaglia d’oro al valore militare, è stata intitolata la sede della polizia stradale di Borgo Centore. Ad aprire i lavori inaugurali, prima del taglio del nastro, è stato proprio il dirigente Salomone che ha ringraziato il sindaco di Cellole Izzo per aver voluto fortemente aprire la sede della polizia stradale sul territorio, accelerando i tempi di ultimazione dei lavori alla struttura. Ha poi ricordato le due vittime poliziotti che hanno perso la vita nel ’92, mentre stavano svolgendo il loro lavoro, ricordando come la tragedia che ha colpito le due famiglie debba essere da esempio e debba tenere vivo il ricordo che nella società in cui viviamo ci sono ancora degli eroi e dei valori che gli stessi portano avanti. E’ stata poi la volta del sindaco, Aldo Izzo che dopo aver ringraziato i presenti ha affermato: “Per noi nulla nasce per caso. Abbiamo fortemente voluto il corpo di polizia stradale sul nostro territorio innanzitutto per l’onore ed il rispetto che nutriamo nei confronti della polizia e di tutte le forze dell’ordine, che quotidianamente mettono a repentaglio la loro vita per garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini. Per noi dunque è un doppio onore avere il distaccamento della polizia stradale sul nostro territorio. Non posso fare a meno- ha continuato il sindaco Izzo- di esprimere la mia gioia per essere riusciti dopo tanti sacrifici a mettere a disposizione della polizia stradale questa struttura, ringraziando tutti coloro che si sono impegnati per renderla possibile”. Il primo cittadino, inoltre, non ha nascosto la sua commozione nel ricordare i due eroi Bencivenga e Biondani che hanno perso la vita ed un pensiero è stato rivolto anche alla madre ed alla moglie di Bencivenga ed ai fratelli di Biondani presenti all’inaugurazione. Anche il prefetto Maragoni non è riuscito a celare il dolore e la commozione per la perdita dei due giovani nel lontano ’92 quando nel corso di un servizio di controllo hanno perso la vita in uno scontro a fuoco con un evaso. Dopo gli interventi il parroco don Franco Alfieri, vicario del vescovo monsignor Piazza, ha benedetto i presenti e la targa dedicata ai due poliziotti scoperta proprio dal prefetto e dalle famiglie dei due eroi del nostro tempo. E’ stata poi posta la corona d’alloro ed infine tagliato il nastro inaugurale della struttura. Erano presenti tra gli altri anche il vicesindaco di Cellole, Antonio Lepore, il presidente del consiglio comunale, Augusto Verrico e il consigliere provinciale Giuseppe Fusco.